Cos’è il Wardriving, e perché è pericolosa per le reti non protette

Cos’è il Wardriving, e perché è pericolosa per le reti non protette

19 Giugno 2022 By daniele

Per ogni tattica dedicata agli attacchi informatici, vi è naturalmente il suo nome preciso. Molti sono i modi con il quale è possibile definire una particolare invasione della propria sicurezza, ma pochi sono insidiosi come il Wardriving. Questa è una delle ultime novità che ha accompagnato tutte le conseguenze che portano l’accumularsi di tecnologie varie negli anni: la distribuzione e dispersione incontrollata di trasmissioni Wireless.

Iniziata come una semplice iniziativa innocente, il Wardriving è diventato nel tempo un’autentica operazione creata appositamente per scovare, violare e pianificare la penetrazione di reti Wireless vulnerabili. Al giorno d’oggi, in ogni città, sono presenti centinaia di reti senza alcuna sicurezza abilitata e migliaia di reti che hanno attualmente varie vulnerabilità. Queste vanno naturalmente da quelli che usano ancora il WEP, una vecchia WPA, o hanno comunque dei Router con delle vulnerabilità note.

Il Wardriving è perciò fatto appositamente per scannerizzare, trovare, e catalogare tutte le reti vulnerabili che una persona è capace di rilevare. Questo è possibile in vari modi, ma nello specifico questo metodo include l’uso d’una macchina che monta un’antenna ad alto potenziale (spesso nascosta in quella dedicata alla radio) il quale è connessa ad un Raspberry o un Notebook che scansiona progressivamente tutte le reti, memorizzandole a caso oppure tramite una lista precisa di specifiche (reti libere, vulnerabili, vecchie e così via). L’obiettivo è perciò chiaro: una volta che si trovano le reti che possono fruttare di più, si pianifica l’infezione ed il relativo attacco, così da ottenere delle informazioni o un guadagno tramite attacchi di Phishing o Malware.

Come ci si può proteggere dal Wardriving? La risposta in questo caso è molto semplice: è necessario proteggersi tramite una certa cautela che riguarda la protezione del nostro Router, e questo può semplicemente riguardare l’uso dell’ultima versione del WPA2 (se non proprio WPA3) ed una cura particolare per quel che riguarda le vulnerabilità del Router, aggiornandolo e spostandolo dove necessario. In certi casi può essere una buona idea abilitare solo la comunicazione 5Ghz se la distanza non è un problema, considerando che questa frequenza funziona per la maggiore solo a corta distanza.

D’altro canto, il discorso rimane sempre lo stesso: assicuratevi che la sicurezza sia attiva ed aggiornata, o cambiate completamente Router con uno più moderno, queste sono le precauzioni migliori contro il Wardriving.