Perché evitare di usare troppo il Blocco Note

Perché evitare di usare troppo il Blocco Note

25 Maggio 2022 By daniele

Magari non ne avete mai fatto un uso intenso prima d’ora, forse avete attualmente deciso di usare questo programma per ogni singola cosa che avete in mente di appuntare: ma sapete che usare il Blocco Note non è mai completamente una buona idea?

Integrato dagli albori della nascita di Windows, Blocco Note (conosciuto anche come Notepad) è stato spesso accompagnato da Wordpad, un programma più complesso per leggere documenti al di fuori dei tipici file TXT. Per alcuni è indispensabile, poiché permette di creare degli appunti molto velocemente, senza attendere l’avvio d’un programma o l’apertura di altri aspetti del sistema operativo. E’ inoltre incredibilmente leggero.

Tuttavia, bisogna constatare che appunto in questa semplicità vi sono numerose problematiche. Ad esempio, non vi è alcun modo di organizzare il testo in maniera ordinata. Non esistono schede (o tabs) e non esistono altre funzioni che possono differenziare il testo fra le righe, se non appunto vari trucchi che fanno parte d’un era antica. Proprio per questo motivo, altre funzioni vengono naturalmente a mancare, come una formattazione del testo anche di base (grassetto, corsivo, ect) così come anche avanzato. Manca ovviamente anche la possibilità d’inserire immagini, grafici o tabelle.

Detto chiaramente, il Blocco Note è utile per avere un contenuto universale in mano. Un file TXT può essere letto ovunque, da un vecchio Nintendo DS fino al vecchissimo computer armato di MS-DOS. Tuttavia quest’utilità è molto relativa, considerando che l’effetto “universale” del blocco note non s’interfaccia con salvataggi in Cloud, né permette a più dispositivi di accedere allo stesso documento. Non è inoltre un buon programma per creare elenchi molto lunghi, avendo problematiche a cercare alcuni dettagli sparsi e precisi all’interno d’un file di testo.

Infine, vi è il problema della sicurezza. In un file TXT non vi è alcuna password e nessuna criptazione. E’ completamente libero, e questo viene spesso definito come “Plain text” ovvero testo semplice, nudo e crudo, che può essere letto direttamente con qualsiasi dispositivo senza bisogno di sproteggere il file. Questo ovviamente significa che i file TXT creati con il blocco note sono la peggior soluzione per scrivere una qualsiasi cosa di sensibile, e s’intende davvero qualsiasi cosa: i dettagli d’un file di questo genere possono essere raccolti ed immediatamente mandati a chiunque altro, in un semplice copia ed incolla automatico.

Perciò, non neghiamo che il Blocco Note è buono per prendere appunti velocemente. Tuttavia, è sempre bene procurarsi un programma più efficiente per fare tutto il resto e magari anche in più sicurezza, come Notepad++ (https://notepad-plus-plus.org/downloads/).