Cyber Security - Blog dedicato al mondo della Cyber security. Consigli utili su come proteggersi dagli attacchi della rete; tutorial e guide per vivere serenamente online! E ancora, tutorial pratici e semplici su argomenti specifici come creare e settare una VPN; notizie sulle certificazioni e corsi disponibili sulla Cyber Security

Spegnere il PC è una cosa del passato ecco perché

Spegnere il PC è una cosa del passato ecco perché

By syrus

Il più anziano fra di voi certamente lo ricorderà. Una volta Windows richiedeva l’arresto del PC, e quando questo era pronto per spegnersi, dava il suo messaggio “Ora è possibile spegnere il PC”. No, il computer non era capace di spegnersi da solo, bisognava farlo manualmente. Tuttavia, con l’andare degli anni è diventato sempre più automatico, ed ha introdotto anche la possibilità di mettere il PC in Stand-by oppure d’Ibernare il tutto.

Queste due pratiche aggiuntive erano una novità che è stata nel tempo maggiormente adottata per i portatili, considerando che il loro obiettivo era di consumare quanta meno energia possibile. Lo Stand-By metteva semplicemente il PC in uno stato di riposo, pur tenendolo sempre acceso. L’Ibernazione salvava un immagine temporanea dello stato del computer, così da poter riprendere il lavoro non appena possibile. Ovviamente il tutto veniva spento alla fine dell’operazione.

Non tutti hanno adottato questo sistema, spesso modificando il PC per portarlo ad arrestarsi invece che mettersi in ibernazione. Ma lasciatevelo dire: ormai mettere in Stand-by o ibernare il computer è diventato così stabile, che arrestare il tutto sta diventando invece qualcosa di vecchio e forse anche da dimenticare.

Quando avviamo o arrestiamo il PC infatti, il sistema deve ricaricare e scaricare completamente un vasto ammontare di librerie e programmi. In un’era dove dobbiamo essere il più utilitari possibile, cercando di consumare sempre meno elettricità e sfruttando sempre più a lungo ogni computer a disposizione, è chiaro che alla fine dei conti un avvio più veloce e che consuma meno risorse è sicuramente preferibile.

L’Ibernazione ha infatti tutto già caricato, in memoria, pronto all’uso. Bisogna specificare chiaramente che l’arresto del PC comunque è importante per certi casi: ad esempio (così come si fa con gli Smartphone) effettuare un riavvio completo è utile per svuotare eventuali errori accumulati o vari aspetti che sono rimasti in memoria, qualcosa che può essere necessario comunque per una faccenda più al livello tecnico. Questo è l’aspetto che ha raggiunto questa funzione: una soluzione a problemi tecnici specifici, una pulizia della memoria o qualche aggiornamento.

Se v’interessa perciò un sistema più efficiente, cominciate a pensare all’ibernazione o allo Stand-by come una soluzione alle corse contro il tempo e alla riduzione dei consumi elettrici ed elettronici.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: